Quindi?

novembre 29, 2006

200467708001Però mi piaci, NYC man. Perchè sei come l’oceano: profondo, buio, imprevedibile, variopinto, forte. Vorrei galleggiare un po’ su di te, solo un po’, quel poco che basti ad avere la certezza di non venire inghiottita dai tuoi flutti.

Però tu lo sai, tu sai che più di così non posso.

Annunci

?

novembre 29, 2006

Who are you, NYC man?
What do you hide?
What are you looking for?

…da nessun’altra parte

novembre 29, 2006

Sposa_kill_bill_2Black Mamba: Vuoi restare al matrimonio?
Bill: Solo se posso sedermi dal lato della sposa.
Black Mamba: Sarai un po’ triste e solo nel mio lato.
Bill: Il tuo lato è sempre stato un po’ triste e solo, ma non mi metterei da nessun’altra parte.

E’ tanto che non ho tue notizie, ma penso a te continuamente. E penso a quello che siamo stati. E penso, ogni tanto, a quello che potremmo di nuovo essere.

Letter from my mother

novembre 27, 2006

72131059_1Oggi è stata una giornata particolare, ricca di emozioni e ricordi preziosi…ti ho pensata tanto mentre cucinavo i tuoi piatti preferiti e in me sentivo una gioia immensa. Nella mia mente un sovraffollamento di pensieri e di immagini a me care: ti ho vista piccina, con il nasino all’insù, chiedere una “cala” per prendere “a luna”, fare lo spogliarello con aria di sfida, uscire dal tuo nascondiglio e farmi notare, tutta soddisfatta, la frangetta tagliata di sbieco, ti ho vista piangere disperata per una buffa maschera “dell’inghiana”… Le tue paperine rosse appese alla parete per un morso dato a un compagno alla scuola materna…Ti ho vista danzare con le ali da farfallina e, più grande, con il body da ballerina: eri bella, brava, la migliore!
Ti ho rivista accanto al mio letto quando, silenziosa, con lo scialle in testa, aspettavi che mi svegliassi per dividere con me il peso di quel terribile mal d’orecchi.
Quella poesia di Natale ripetuta senza tregua e il tuo sorriso per gli applausi ricevuti; i tuoi occhi attenti nell’ascoltare una fiaba, le tue canzoncine, i cartoni animati…
La tua crescita, le tue “bizze”, le gelosie e i tuoi continui “perchè”. La partenza per il Canada, il ritorno di una ragazzina cresciuta, maturata, con i capelli rosa racchiusi in due codini, un abitino corto, calzettoni e Dr. Martens ai piedi.
Le scatolette di tonno con forchetta nascoste nell’armadio, la passione per la birra, la musica: i Guns…
L’armadio tappezzato di ritagli di giornale, volevi fare la designer…e il disordine ovunque!
E la tua pigrizia! I tuoi amici, i tuoi amori, le tue gioie, le tue lacrime…le mie gioie, le mie lacrime. Il liceo, l’università: l’esame di maturità, io nel corridoio, la tua voce stridula e il mio cuore in gola.
Quell’esame all’università, quando mi sono letteralmente “beata” nel sentirti parlare con quel professore…dove ero riuscita a trovarti senza sapere dove tu fossi. Sei sempre stata, per me, un motivo di orgoglio.
Oggi non ho pensato a cose tristi…ho sbagliato tanto, ma so che ti ho seguita fin qui con amore. So di essere fortunata ad averti, sei stata davvero un dono del cielo, ora lo so più che mai.
Non arrenderti mai, piccola mia, lotta sempre e credi in te stessa, in quella bellissima persona che sei. Io sarò con te.
Buon compleanno bimba mia!
La tua mamma

Happy birthday to me

novembre 24, 2006

Dolcetto
Stamattina mi sono alzata con un pensiero: sarà una giornata dura.
E non perchè io mi preoccupi del passare degli anni, non è questo.
Ho pensato che sarebbe stata dura perchè un anno fa, questo stesso giorno, ero in un altro posto, con un’altra persona, con altre prospettive e con un nuovo, importante impegno che avrebbe dovuto rendermi felice per tutta la vita.
Oggi è tutto diverso.
Mio papà mi ha dato uno strappo in agenzia perchè ero carica come un mulo (una gigantesca torta Sacher in braccio, per festeggiare un po’ con i colleghi) e, visto che sono arrivata con parecchio anticipo, ho pensato di passare alla latteria qui accanto per comprare qualche bibita.
L’omino del negozio mi ha chiesto se ci fosse qualcosa da festeggiare
“E’ il mio compleanno”, ho risposto.
Lui mi ha sorriso, mi ha detto di aspettare, è scappato trotterellando verso il retro, è tornato con una confezione di biscotti, l’ha scartata, poi ha recuperato una candelina, l’ha incastrata in un biscotto, l’ha accesa e mi ha fatta soffiare: lui e la moglie hanno applaudito, canticchiando “tanti auguri”.
Quell’omino mi vede quasi tutte le mattina, ogni tanto compro da lui una bottiglia d’acqua S.Anna, “Buongiorno” o “buonasera” e basta. Alle 9, questa mattina, quell’uomo in miniatura ha cambiato la mia
giornata.
Sono uscita ringraziando, con gli occhi lucidi, e il pensiero di quanto siano belle, a volte, le sorprese che la vita ti fa.
Happy birthdaty to me.

L’urlo

novembre 10, 2006

Lurlo_28
Paura Rabbia Ansia Disperazione Nascondiglio Panico Incertezza Sgomento Respiro Angoscia Costernazione Fuga Fragilità Dubbio Ricordo Incubo Insicurezza Rimpianto Collera Fuoco Pericolo Solitudine Buio Prigione Miseria Perdizione Indifferenza.

Cambiamento.